Italian Arabic English French German Portuguese Russian Spanish

Seguici anche su: facebook1

Notice
  • EU - Nuova direttiva e-Privacy

    Questo sito web utilizza i cookie di terze parti per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'Utente accetta che possiamo inserire questi tipi di cookie nel proprio dispositivo.

    Leggi la normativa della Unione Europea

Un Teatro di Donne al Teatro Ballarin

27971941 1352428671530301 4273114386590893715 n


https://www.facebook.com/unteatrodidonne/

 

Associazione Cantieri Culturali Creativi presenta
“Un teatro di donne”
Mini rassegna di 3 spettacoli di danza e performance contemporanea che vedono protagoniste ed interpreti le donne.
Gli eventi si svolgeranno nelle giornate del 30 marzo, 27 aprile e il 18 maggio presso il Teatro Ballarin di Lendinara (RO) ore 21.00.
Programma
30 marzo 2018
“In piedi”
Progetto di laboratorio con restituzione
"Per tutte le violenze consumate su di lei, per tutte le umiliazioni che ha subìto, per il suo corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato, per l’ignoranza in cui l’avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato, per le sue ali che avete tarpato, per tutto questo: in piedi, signori, davanti ad una donna." William Shakespeare
Il progetto comprende 5 giorni di laboratorio/residenza al termine del quale ci sarà una serata di messa in scena aperta al pubblico.
Rivolto a un numero massimo di venti donne, non necessariamente con passata esperienza di danzatrici, ma alle partecipanti si chiederà solo di essere disponibili a mettersi in gioco in un laboratorio/spettacolo, dove il corpo fisico diventi corpo sociale comunicativo e ispiratore di poesia.
“La danza, come veicolo di leggerezza e grazia, può anche essere di grande supporto nei momenti più importanti della crescita e cambiamento. La consapevolezza del proprio corpo e la fluidità, l’elasticità, la tonicità ma soprattutto la riscoperta del proprio organico nel profondo.
Attraverso il laboratorio di danza libera e originale, che tende a coinvolgere anche persone che non abbiano mai fatto danza, si intende stimolare una sensibilità comunicativa non verbale e affinare percezione e ascolto dell’altro.
Conoscersi e riconoscersi attraverso il contatto del proprio corpo e del copro degli altri attraverso la danza, può rappresentare una importante possibilità di scoprirsi, crescere, ascoltarsi e mutare con consapevolezza e orgoglio”.
Insegnante coreografa e docente Romina Zangirolami.
Possibilità di accompagnare il laboratorio e spettacolo di restituzione con da percussioni dal vivo o da violoncello o strumenti etnici.
27 aprile 2018
“studio Tempi duri richiedono danze furiose” (Alice Walke)
Spettacolo di danza contemporanea.
Di e con Simona Argentieri, Marta Tabacco, Romina Zangirolami
In scena tre diversi corpi, tre anime, tre vite bloccate ad un bivio, confuse, che non si sentono mai abbastanza brave, preparate o creative e questo le rende assolutamente uguali a tutte le donne di questo periodo storico, in cui la collera femminile diventa preziosa, “forza potente”, grazie alla quale è possibile reagire a torti, arginare soprusi, evitare sofferenze, affermare la propria personalità, difendere le proprie idee, esplorare percorsi creativi.
Nel libro “Donne che corrono coi lupi si parla della collera come un fuoco capace di cuocere, non solo di distruggere. Nel capitolo dedicato alla collera femminile l’autrice, Clarissa Pinkola Estés, racconta come le donne abbiano bisogno di imparare a gestire ed esprimere la propria giusta collera, di tracciare e far rispettare i propri confini.
Ci vuole pazienza e attesa per portare a guarigione le proprie emozioni.
Lo spettacolo è realizzato nell’ambito del progetto “Città Segreta - storie, cronache, leggende della Rovigo del 1500” promosso da ARCI Nuova Associazione Comitato Provinciale e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando Culturalmente 2016.
“Città Segreta” nasce dalla volontà di sviluppare nella città di Rovigo un percorso di riscoperta di vicende storiche minori, legate a luoghi esistenti o perduti, basata su ricerche storiche approfondite, supportate dall’Archivio di Stato di Rovigo.
Il recupero delle conoscenze dei fatti storici viene seguito da valutazioni e raffronti al contesto attuale, valorizzati in chiave artistica da giovani performers.
Il tema oggetto dell’indagine storica è l’emarginazione, la violenza, soprattutto nei confronti delle donne, nel corso del 1500. Ciò fungerà da filo rosso nella ricerca storica legata sia all’approfondimento dal punto di vista delle vicende sia dei luoghi nei quali le stesse si sono verificate.
Il progetto mira alla riscoperta della storia locale, anche minore, collegata a luoghi e memorie del capoluogo polesano, in funzione di un accrescimento dell’attrattività culturale e turistica; intende colmare la distanza tra patrimonio e comunità, incrementando la conoscenza dei luoghi e dunque nuove forme di utilizzo degli stessi ma non sottovaluta la riflessione e il confronto tra epoche passate e contesto attuale, come dimostra la produzione inedita “Tempi duri richiedono danze furiose” dedicata alle donne di tutte le epoche storiche.
Danzano: Marta Tabacco, Simona Argentieri, Romina Zangirolami.
Coreografia e regia di Romina Zangirolami
Costumi disegnati da Romina Zangirolami e realizzati da Giulia Zuolo e Isabella Ferrari "Creazioni Isafer".
Musiche: autori vari.
Scenografie di Romina Zangirolami e installazioni artistiche di Luigi Gioli.
Assistenza e regia luci affidata a Vito Tecnologie e Service di Vitali Fabrizio
Assistenza video affidata a Mavstudio di Enrico Mischiati.
Produzione di Ass. Cantieri Culturali Creativi di Rovigo.
Il primo studio è stato realizzato in una residenza artistica con debutto il 30 novembre 2017 presso il Teatro Studio di Rovigo. Sarà portato in forma definitiva l’8 marzo 2018, nell’ambito del De Micheli Danza Festival presso il Teatro di Copparo (FE).
18 maggio 2018
E’ una femmina!”
Performance a cura di Tràdere
Danza EtnoContemporanea
“E’ una femmina!”
In tempi moderni, di solito, lo si sa prima ancora che nasca. Ma fino a non molto tempo fa, questa era la prima affermazione che si pronunciava quando nasceva una nuova vita di sesso femminile, quando nasceva una bambina. E in ogni caso è una frase che genera aspettative ed emozioni diverse, anche a seconda del contesto storico-sociale in cui si vive.
“E’ una femmina!” – può essere pronunciato in molti modi…ed è un po’ come se fosse lo start, il punto di partenza di tutto quello che l’essere femmina comporta.
Lo spettacolo parla di questo, dell’essere femmina: racconta storie di donne e lo fa attraverso il linguaggio della danza, da quella tradizionale popolare, a quella contemporanea, al teatro-danza, in un susseguirsi di quadri coreografici, lasciandosi ispirare dalla letteratura e dalla musica.
Performance a cura di Tràdere – Danza EtnoContemporanea
Il gruppo Tràdere – Danza EtnoContemporanea, propone danze popolari tradizionali o ispirate alla tradizione ma interpretate in chiave coreografica con un approccio contemporaneo.
Il nome è emblematico rispetto alla finalità espressivo-artistica che si pone questo gruppo coreografico: “tràdere” è il verbo latino da cui derivano due parole che, nell’immaginario collettivo, sono molto distanti fra loro, ovvero Tradizione e Tradimento. “Tràdere” vuol dire letteralmente “consegnare”: nel primo caso, dunque, la consegna riguarda tutto ciò che viene trasmesso di generazione in generazione, per salvaguardarlo dallo scorrere nel tempo; nel secondo caso, invece, la consegna riguarda qualcosa che dovrebbe essere protetto (il termine era molto usato nel linguaggio bellico: "tradire una città" significava proprio cederla ai nemici di nascosto).
Nel tramandare una tradizione il rischio è sempre quello di tradirla un po’, nel non farlo il rischio è quello di fermarla.
Citando Gustav Mahler:
“Tradizione non è l’adorazione della cenere, ma la trasmissione del fuoco”
L’Associazione Cantieri Culturali Creativi viene costituita dai soci fondatori, Pierpaolo Fabris, Presidente, e Romina Zangirolami, Segretaria e Direttrice artistica, il 10/09/2013 ed è iscritta al Registro delle Associazioni del Comune di Rovigo al n° 100.
L’Associazione ha come scopo statutario la diffusione e promozione dell’Arte in tutte le espressioni, con particolare attenzione alla Danza artistica espressa attraverso la disciplina contemporanea.
L’Associazione opera sia in modo autonomo, attraverso produzioni e organizzazioni di eventi e festival, sia in partenariato attraverso partecipazioni a bandi e progetti.
Le attività svolte fino ad ora sono state:
2013
· Produzione del progetto “Triplo Trattamento”; spettacolo itinerante in quattro pieces diverse ambientate nelle ville venete della provincia di Rovigo, sostenuto da Ecoambiente.
2014
· Partecipazione al progetto “Artisti di Paesaggio” vincitore del bando Culturalmente, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
· Produzione della I^ edizione del Festival internazionale di Danza contemporanea “De Micheli Danza Festival” in collaborazione col Teatro De Micheli di Copparo (FE)
· Produzione con debutto all’interno del Festival di cui sopra dello spettacolo “Marathon -Non si uccidono così anche i cavalli-”.
2015
· Produzione dello spettacolo “Time on the Body” con tre repliche
· Partecipazione al progetto “Arting Pot – fusioni d’arte- “vincitore del bando Culturalmente sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
· Laboratorio di studio comparato del movimento in un danzatore giovane e uno anziano in collaborazione con l’Università di Padova.
· Produzione della II^ edizione del “De Micheli Danza Festival”
2016
· Produzione della performance “Contro Corrente”, manifestazione di chiusura della mostra “Fluxi”, patrocinata dall’Assessorato alla cultura di Rovigo
· Produzione della III^ edizione del “De Micheli Danza Festival”
· Partecipazione al progetto Arting Pot- Fusioni d’Arte- e “Città Segreta”, vincitori del bando Culturalmente, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
2017
· Produzione della IV^ edizione del “De Micheli Danza Festival”
· Partecipazione al progetto “Think Outside the Box: innovazione…creativa! “vincitore del bando Culturalmente, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.
· Produttore della II^ edizione del Festival di Teatro e danza “ Live Art”, svoltosi presso il Teatro della Visitazione a Roma
Attività in programma:
2018
· V^ edizione del De Michele Danza Festival, già approvata e finanziata
· Partecipazione al bando Culturalmente
· Nuova produzione di uno spettacolo.
L’Associazione svolge la propria attività senza scopo di lucro e conta 27 soci.
Direzione artistica di Romina Zangirolami

Bio Romina Zangirolami
Nata il 9 agosto 1970: insegnante, coreografa e danzatrice, freelance e direttore artistico. Ha iniziato i suoi studi presso la classe di danza classica e moderna di Donatella Altieri a Rovigo e poi ha proseguito presso la Scuola Jazz Dance Studio di Manola Bettio. Incontra la danza contemporanea attraverso Laura Corradi.
Seguiranno gli studi e la specializzazione in Contact Improvisation, metodo release e floorwork in Italia e all'estero con Susan Martin, Dieter Hitkamp, ​​Giannalberto De Filippis, Michal Mualem (Sasha Waltz di Berlino), Riccardo Meneghini (Carolyn Carson) Fabrizio Monteverde, Roberto Zappalà; attualmente con Roberta Zerbini.
Teatro di danza: Giacomo Sacenti, Giorgio Rossi, Roberto Castello.
Direttrice artistica e insegnante dell'Ass. Cantieri Culturali Creativi, da gennaio 2014 ad oggi, direttrice artistica del De Micheli Dance Festival presso il Teatro Comunale di Copparo.
Produzioni proprie:
Gennaio 2012 "Books affamati di cultura", coreografia in cui l'arte della danza esalta l'arte della scrittura. I ballerini attraverso il movimento cercano di sensibilizzare l'opinione pubblica su una sana riscoperta del "libro" e della lettura. Luglio / settembre 2013 realizza nuove produzioni artistiche (regia e coreografia) per il Tour itinerante tra le ville venete “Triplo trattamento”, progetto che utilizza scenografie teatrali e costumi con l'uso di materiali riciclati e video murali sulle ville stesse. Gennaio 2014 Coreografa per la produzione "Marathon", eseguita nel De Micheli Dance Festival. Luglio / settembre 2014 coreografa del tour "Artisti di paesaggio", vincitore del bando Culturalmente 2013 della Fondazione “Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo”. Coreografa e creatrice della nuova produzione "Time on the body", progetto artistico in collaborazione con Ass. Cantieri Culturali Creativi e Babel Crew.
Direttore artistico e coreografa per “ArtingPot – Fusioni d’arte” vincitore delle edizioni 2015/2016 del bando Culturalmente della” Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo”.

Associazione Cantieri Culturali Creativi - Codice Fiscale: 93033240297 / 949920 - sede legale: Via Caporetto, 10/a - Rovigo | Privacy Policy
Telefono: 342 0303926 - Email: direzione@cantiericulturalicreativi.it - rominazangi1970@gmail.com
© 2018 - Tutti i diritti sono riservati. Loghi e Marchi sono dei rispettivi proprietari.


Progetto grafico ed elaborazione tecnica by coccinella piccola ARTE nel WEB - Lendinara (RO)


banner artenelweb